Olimpiadi: storia dei giochi olimpici e significato dei 5 cerchi

Per gli amanti dello sport ora ci tuffiamo nelle Olimpiadi, per scoprire la storia dei giochi olimpici ed il significato del simbolo dei cinque cerchi. Un bellissimo evento che oggi viene svolto ogni quattro anni.

Si tratta di competizioni tra varie squadre di nazionalità diversa dove sono raggruppate molte tipologie di sport. Ma vediamo nel dettaglio la nascita, lo sviluppo e la formazione di questa manifestazione sportiva.

Origine delle olimpiadi

Fu dato il nome di giochi olimpici in riferimento agli antichi giochi che si svolgevano nell’Antica Grecia, nella città di Olimpia, nell’VIII secolo a.C. In questa occasione bravissimi atleti si sfidavano tra di loro.

Verso la fine del XIX il barone francese, Pierre de Coubertin pensò che fosse una bella idea realizzare giochi simili anche con l’inserimento di atlete femminili; ma inizialmente questo pensiero non fu preso in considerazione.

Il primo sport ad essere inserito fu la corsa, poi furono aggiunti il pugilato, la lotta ed il pentathlon. Con il passare del tempo si inserirono anche molti altri giochi sportivi ed il tutto veniva fatto in onore di Zeus, il grande dio della mitologia greca.

Pian piano questo evento assunse molta importante per tutta la Grecia, tanto che durante il suo svolgimento si fermavano perfino le battaglie. Le persone che non avevano il permesso di competere erano le donne, gli schiavi, gli stranieri, gli assassini.

Quando arrivò il Cristianesimo, però, iniziò il declino di queste antiche sfide in quanto i vescovi ed i capi della chiesa erano contrari a questi tipi di agonismo, considerandoli riti pagani da non celebrare.

In quel periodo, il colpo finale alla chiusura della storia delle olimpiadi fu deciso dal vescovo di Milano, Sant’Ambrogio Aurelio nel 393 d.C. Questa sospensione durò oltre 1000 anni, ma poi qualcosa cambiò.

Storia dei giochi olimpici

L’entusiasmo vissuto nel partecipare ai giochi olimpici rimase un bel ricordo per molti tanto che nel XVII secolo si svolse qualche sporadica occasione simile. Ma nel 1896 ad Atene ricominciarono ufficialmente, seguiti da un Comitato Olimpico Internazionale.

Una volta ripreso lo svolgimento delle competizioni olimpiche fu un continuo sviluppo e successo, che ancor oggi sono seguite con attenzione da un grande pubblico, sempre con la cadenza quadriennale.

Si sperava che le olimpiadi potessero fermare le grandi guerre, ma purtroppo sia durante la prima che la seconda guerra mondiale, i giochi furono sospesi. In altre occasioni, per interventi e proteste politiche, questi eventi subirono delle influenze, tra queste:

  • Giochi di Berlino 1936: il Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori si fece una personale propaganda. La Spagna rifiutò di partecipare e organizzò una competizione nel proprio territorio.
  • Helsinki 1952 – Giochi della XV Olimpiade svoltesi in Finlandia: l’URSS non partecipò e pianificò un evento sportivo in territorio sovietico chiamato “Spartachiadi“.
  • Melbourne 1956 – Giochi della XVI Olimpiade: furono boicottati e alcune nazioni decisero di rifiutare la competizione, tra queste Spagna, Svizzera e Paesi Bassi.
  • Città del Messico 1968 – Giochi della XIX Olimpiade: durante l’inno, due atleti afroamericani fecero il saluto delle “pantere nere” contro il razzismo presente negli USA.
  • Monaco di Baviera 1972: due atleti vennero uccisi da un’organizzazione terroristica palestinese per aver preso in ostaggio membri di una squadra israeliana.
  • Anni ’70 e ’80: anche in questi anni ci furono dei boicottaggi da parte di diverse nazioni e per svariati motivi.

L’ultimo ostacolo, per il quale si dovette sospendere questa manifestazione, fu il Covid-19 iniziato nel 2020, che rinviò la competizione al 202, ma senza la presenza di un pubblico. Le prossime si svolgeranno a Parigi nel 2024.

Significato dei simboli delle Olimpiadi

Bandiera olimpica

Il più noto simbolo olimpico raffigura i 5 cerchi, che viene riportato anche nella bandiera delle olimpiadi; per la prima volta che essa fu innalzata avvenne nel 1920. I cinque anelli rappresentano tutti i continenti: Africa, America, Asia, Europa ed Oceania.

Questi sono intrecciati tra di loro per esaltare il motivo dei giochi olimpici, infatti il significato del simbolo delle olimpiadi è l’universalità dello spirito, ovvero competere serenamente con avversari di ogni nazione.

Colori della bandiera olimpica

I colori della bandiera olimpica sono stati scelti per il fatto che queste tonalità erano presenti nelle bandiere delle nazioni del mondo, e sono l’azzurro, il giallo, il nero, il verde ed il rosso; tutti riportati in uno sfondo bianco.

L’associazione dei colori ai continenti non è una cosa del tutto ufficiale, in quanto era stata riportata ma poi ritirata. In linea di massima, però, vengono collegati in questo modo:

  • Azzurro all’Oceania
  • Giallo all’Asia
  • Nero all’Africa
  • Verde all’Europa
  • Rosso all’America

In qualche occasione Oceania ed Europa avrebbero invertito i colori. Si pensa che considerare queste tonalità sia stato il barone francese Barone Pierre de Coubertin, colui che ha collaborato ad ideare queste gare.

Altro tra i simboli delle Olimpiadi è la Fiamma olimpica che viene utilizzata per accendere il braciere olimpico all’inizio delle competizioni. Essa viene accesa nella città di Olimpia e grazie al trasporto di alcuni tedofori arriva alla città destinata ai giochi.

Il motto olimpico in vigore dal 1924 era “Citius, Altius, Fortius“, ma nell’edizione dei Giochi della XXXII Olimpiade svoltasi a Tokyo fu modificato in “Citius, Altius, Fortius – Communiter, che significa “Più veloce, più in alto, più forte – insieme”.

Sport olimpici estivi ed invernali: quali sono

Quali sono gli sport olimpici che vengono svolti durante le competizioni, al giorno d’oggi? Ecco la lista:

Olimpiadi estive

  • atletica leggera
  • ciclismo
  • scherma
  • ginnastica artistica e ritmica (quest’ultima aggiunta nel 1984).
  • canottaggio

Olimpiadi invernali

  • sci di fondo
  • pattinaggio di figura
  • bob o guidoslitta a quattro
  • hockey sul ghiaccio
  • salto con gli scii
  • pattinaggio di velocità
  • combinata nordica

Premiazione dei giochi olimpici

Per ogni tipo di gara viene fatta una classifica ed una premiazione che consiste in tre medaglie: bronzo, argento e oro (argento placcato). A chi arriva al quarto posto viene data una “medaglia di legno”.

Quest’ultima non ha un preciso significato ma sottolinea il fatto che per poco non si è riusciti a raggiungere i primi posti del podio. Tutte le medaglie conquistate saranno considerata nel Medagliere complessivo dei Giochi olimpici

Cerimonie delle olimpiadi

La cerimonia di apertura delle olimpiadi è davvero molto bella ed è formata da varie fasi. Si apre a suon di musica e balli tipici del territorio ospitante, per far seguito con la sfilata di tutti i partecipanti ai giochi.

Segue l’inno e la bandiera olimpica viene issata, seguita da tutti i portabandiera che si avvicinano al podio; viene espresso il giuramento olimpico secondo il quale lo svolgimento deve seguire le regole prestabilite.

Dopo la lunga staffetta effettuata dai tedofori partiti da Olimpia, entra la torcia con la quale un atleta accenderà il braciere che resterà acceso fino al termine dell’evento. Dopo l’accensione si vedranno volare anche delle colombe che simboleggiano la pace.

La cerimonia di chiusura dei giochi olimpici viene ugualmente accompagnata da coreografie artistiche, anche se in modo più semplice di prima. I partecipanti sono mescolati tra loro, si innalzano tre stendardi ed il presidente espone il suo discorso.

La bandiera olimpica viene abbassata e la torcia viene spenta. Viene eseguito uno spettacolo pirotecnico, con bellissimi fuochi d’artificio che segnalano che i giochi olimpici sono terminati.

Concludo dicendo che le Olimpiadi sono davvero eventi sportivi fantastici che permettono di far conoscere bravissimi atleti dagli straordinari talenti; e ce ne sono davvero tanti in ogni parte del mondo.

Torcia olimpica

Curiosità sui giochi olimpionici

  • Le donne hanno potuto partecipare ai giochi solo dal XX secolo
  • Per 68 anni (dal 1924 al 1992) si svolgevano nell’arco dello stesso anno sia le olimpiadi estive che quelle invernali. Poi si decise di separarle ed effettuarle ogni due anni, che diventano quattro considerando lo stesso genere.
  • Inizialmente queste competizioni duravano anche cinque mesi; attualmente si svolgono in circa tre settimane.
  • Ci fu un periodo di tempo (1912-1948) che a questi eventi parteciparono anche artisti come pittori, musicisti, scultori, scrittori.

Hai qualche notizia da condividere sulle Olimpiadi e sulla storia dei giochi olimpici? Lascia un commento.

👁️97 views/letture

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 5 / 5. Voti: 2

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Condividi l'articolo:
Annina
Annina

Ciao, sono Annina, manager della community di youfriend.it. Amo la natura, la musica, i colori, le emozioni... amo le sfumature che dipingono la vita!

Articoli: 367

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *