Dorothy Eady: il mistero della reincarnazione di una sacerdotessa egizia

0

Era da molto che non scrivevo di strani eventi paranormali, alieni o complotti, ed oggi andremo a vedere cosa si cela dietro il mistero della reincarnazione di Dorthy Eady, il caso di una donna vissuta nel secolo scorso e che ha destato non poca curiosità, ispirando diversi articoli e dibattiti con la sua storia incredibile.

Anche io appena ne sono venuto a conoscenza, non ho potuto resistere alla tentazione di saperne di più in merito, cercando ulteriori informazioni su questa surreale vicenda, trattata recentemente anche da alcuni documentari andati in onda sulle reti televisive italiane.

La convinzione di aver vissuto durante l’era faraonica la rese popolare nella città di Abidos tra nativi, turisti e professionisti dell’Egittologia e molti gruppi di ricercatori, che tuttora, con la sua storia, fa sollevare questioni legate alla reincarnazione e alla possibilità di vite passate in tutto il mondo.

La storia di Dorothy Eady

Dorothy Louise Eady nasce il 6 gennaio del 1904 a Blackheath, in Inghilterra, alla tenera età di tre anni ebbe un incidente che segnò per sempre la sua vita: nel 1907 cadde da una rampa di scale, che le causò probilmente un trauma cerebrale tanto da perdere i sensi e sembrare morta, proprio come il dottore che venne in suo soccorso e ne dichiarò il decesso prima di tornare nella stanza pochi minuti dopo, e trovare con grande sorpresa la bambina sveglia mentre giocava.

L’apparente morte ed i primi strani eventi

Dopo l’incidente Dorothy cominciò a sognare ripetutamente un grande edificio con colonne circondato da giardini; spesso scoppiava a piangere non riconoscendo più la casa attuale dove era nata e cresciuta, confessando nel pianto, che sarebbe voluta tornare a casa.

Qualche mese più tardi, nel 1908, i suoi genitori la portarono al British Museum e giunti nella sezione egizia, la piccola di soli quattro anni cominciò a baciare freneticamente i piedi di tutte le statue della sala, soffermandosi in fine davanti la teca di vetro di una mummia dalla quale non riusciva più a staccarsi, e quando era giunto il momento di andare via, si aggrappò ad essa gridando: “Lasciatemi qui, questo è il mio popolo, la mia gente“.

Successivamente, incuriosito e alquanto scioccato dall’accaduto, suo padre le comprò un’enciclopedia per bambini che aveva immagini e illustrazioni di manufatti egiziani.

Gli studi Extra-scolastici di Dorothy

All’età di circa sette anni vide su di una rivista la fotografia del tempio di Abydos e disse a suo padre che quella era la sua casa aggiungendo: “Ma perché è tutto rotto? E dov’è il giardino? ”. La cosa sbalorditiva fu che nel progetto del tempio non vi erano affatto giardini dei quali la bimba domandava.

Nell’arco degli anni adolescenziali, il fascino e l’attaccamento che Dorothy dimostrava per l’Egitto portò Sir Ernest Wallies Budge a prenderla come discepola, studiando e insegnandole a comprendere i geroglifici quando non era a scuola.

In età adulta aggiunge ai suoi studi extra-scolastici un corso di disegno presso la scuola d’arte di Plymouth, dove successivamente inizia a frequentare anche dei gruppi di interesse riguardo la reincarnazione. Una di queste confraternite si fece coinvolgere particolarmente dal caso della ragazza, cercando di capire il perché di quei sogni costanti legati all’Egitto e ne dedusse che in realtà sarebbe morta nell’incidente adolescenziale e l’anima di qualcun altro si era impossessata del suo corpo.

Intorno i 27 anni si trasferì a Londra, trovando lavoro come articolista presso una rivista egiziana a difesa dell’emancipazione dell’Egitto dalla Gran Bretagna. Durante questo periodo conobbe Abdel Maguib, con il quale si sposò e trasferì nel 1933 in Egitto, dove rimase incinta del suo unico figlio che chiamò Seti, che ne valse il nome “Omm Seti” (La madre di Seti). a seguito dell’usanza Egiziana di non riferirsi alle donne con il loro nome.

Bentreshyt la sacerdotessa egizia reincarnata

Dopo il trasferimento, una volta in Egitto, Dorothy si alzava improvvisamente nel cuore della notte iniziando a scrivere geroglifici dettati da Hor-Ra, che secondo lei era uno spirito di un non-morto; da essi ha raccolto circa 70 pagine nelle quali svela la sua vera identità, quella di una donna morta in giovane età di nome Bentreshyt e vissuta nel antico Egitto.

Sempre secondo quanto narrato negli scritti, Bentreshyt era figlia di una povera coppia che mandò la stessa ad addestrarsi come sacerdotessa nel tempio di Seti I, costruito nell’attuale zona di Kom el-Sultan.

TI STAI PERDENDO CONTENUTI DA TERZE PARTI COME GOOGLE E YOUTUBE A CAUSA DELLE TUE PREFERENZE SUI COOKIE!
Aiutaci a far sopravvivere il sito e mantenerlo gratuito per sempre! Clicca il seguente link per modificare le tue:
>>PREFERENZE COOKIE<<

Il tempio di Abidos al giorno d’oggi

Nel periodo in cui Dorothy era presa nel compilare queste pagine, iniziarono anche i problemi famigliari: il marito voleva vivere nel Cairo moderno, mentre lei in periferia per rimanere il più possibile vicino le piramidi, poi con il suocero, che viveva con la coppia, fuggì di casa sostenendo di aver visto un “faraone” nel letto di sua nuora.

Alla fine il marito andrà a vivere in Iraq per motivi di lavoro, mentre lei e suo figlio si trasferirono in una tenda vicino le piramidi, impegnata come funzionario per il Dipartimento delle antichità Egiziane e lavorando come assistente degli archeologi Selim Hasan e Ahmed Fakhry .

Durante tutto questo periodo non ebbe mai visitato Abidos, il luogo che aveva indentificato come la sua casa natia durante l’infanzia e su questo fatto disse:

Ha lavorato per vent’anni come assistente degli archeologi egiziani Selim Hasan e Ahmed Fakhry, che lavoravano a Giza e Dashur, ma durante questo periodo non aveva mai visitato Abidos, un luogo che aveva identificato come la sua casa durante l’infanzia (JAMES; THORPE, 2001). Su questo argomento ha registrato:

Nella vita c’era un solo obiettivo: andare ad Abidos, vivere ad Abidos ed essere sepolti ad Abidos. Tuttavia qualcosa al di fuori della mia portata mi aveva persino impedito di visitare Abidos

Finalmente ad Abidos

Solamente nel 1952, a quasi 50 anni, finalmente conobbe Abido (o Abidos), un villaggio povero, dove non arrivava ne elettricità ne acqua corrente, e quando arrivò si diresse immediatamente al tempio di Seti I, dove passò l’intera prima notte pregando le divinità egizie.

Qualche anno più tardi nel 1956 riuscì ad ottenere la residenza e un lavoro presso il tempio per registrare i rilievi delle mura lasciando il figlio trasferirsi con il padre in Kuwait. Durante la sua permanenza riusci finalmente a scoprire i resti di un giardino nel sito grazie ad un team di archeologi che lavora con lei.

Video documentario: Egypt – Quest for Eternity

Poco prima di morire nel 21 aprile 1981, Omm Seti ha ricevuto la troupe cinematografica del National Geographic nella sua residenza di Abidos. 

TI STAI PERDENDO CONTENUTI DA TERZE PARTI COME GOOGLE E YOUTUBE A CAUSA DELLE TUE PREFERENZE SUI COOKIE!
Aiutaci a far sopravvivere il sito e mantenerlo gratuito per sempre! Clicca il seguente link per modificare le tue:
>>PREFERENZE COOKIE<<

Conclusione

Una storia incredibile forse anche troppo per scettici del paranormale, ma sta di fatto che, vera o falsa che sia, la sua testimonianza rimarrà nella storia. Voi cosa ne pensate, credete nella reincarnazione di un sacerdotessa dell’antico Egitto in una bambina?

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 0 / 5. Voti: 0

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Annina
Foto del profilo di Andrea
Foto del profilo di Giampietro Lo Bartolo
Foto del profilo di Maurizio
Foto del profilo di Areeba
Foto del profilo di Jennifer79
Foto del profilo di * mini *
Foto del profilo di Theshadow88
Foto del profilo di trilly
Foto del profilo di Dolci&passioni
Foto del profilo di Livio70
Foto del profilo di Friendbot
Stai utilizzando un estensione browser come AdBlock o qualche altro software che impedisce il corretto caricamento della pagina. Youfriend non utilizza annunci o suoni sgradevoli che possono infastidire la navigazione, ma abbiamo bisogno del tuo aiuto per far sopravvivere la community!

Esempio di come disattivare Adblock

Esistono diverse estensioni che bloccano la corretta navigazione di un sito, solitamente le puoi disattivare tramite la loro icona in alto a destra del browser, cliccando su di essa troverai un opzione per disattivarla!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 0 / 5. Voti: 0

Questo sito Web utilizza strumenti proprietari di terze parti che memorizzano file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono usati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno gli altri. Accettando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore e contribuisci alla sopravvivenza del sito! Cookie policy

TI STAI PERDENDO CONTENUTI DA TERZE PARTI COME GOOGLE E YOUTUBE A CAUSA DELLE TUE PREFERENZE SUI COOKIE!
Aiutaci a far sopravvivere il sito e mantenerlo gratuito per sempre! Clicca il seguente link per modificare le tue:
>>PREFERENZE COOKIE<<