Respirazione diaframmatica: come si fa ed esercizi

Cos’è il diaframma? Il diaframma è un muscolo involontario che separa i polmoni dal nostro addome e svolge un ruolo fondamentale nel processo di respirazione.

Esso si contrae continuamente mentre inspiri ed espiri assicurando una respirazione corretta, come dovrebbe essere non solo per il canto.

Infatti, quando inspiriamo il diaframma si contrae, abbassandosi, permettendo ai polmoni di immagazzinare aria; al contrario, espirando, si rilassa e sale, permettendone l’uscita.

Perché è importante la respirazione diaframmatica?

Attraverso la respirazione diaframmatica riuscirai a dosare l’aria per trasformarla tutta in suono senza sforzare la gola. Se ti sei sempre chiesto come certi cantanti riescano ad emettere acuti per diversi secondi, senza sforzi e sembrando completamente rilassati, il segreto sta proprio nella respirazione giusta!

I vantaggi che ci porta una corretta respirazione diaframmatica sono:

  • scarico della tensione collo, spalle, torso/dorso e in parte muscoli lombari
  • controllo dell’aria in entrata e in uscita
  • migliora la nitidezza della voce nel parlato e cantato, consentendo un vibrato fluido e naturale

Insieme ad una corretta postura, ciò contribuirà a perfezionare la tua tecnica di canto, giovando anche alla vita di tutti i giorni; infatti, imparare a respirare con il diaframma sarà utilissimo per alleviare stress, ansia, dolori cervicali, ernie e blocchi motori.

Come respirare con il diaframma correttamente?

Respirazione diaframmatica

Per apprendere bene come effettuare una respirazione corretta, fondamentale per le basi del canto, bisogna prima capire cosa è sbagliato fare.

Se il vostro petto si rigonfia e le spalle si tirano su, state probabilmente utilizzando una respirazione alta. Quest’ultima, utilizzata nel canto, provocherebbe una pessima gestione dell’aria non permettendo al diaframma di lavorare e contrarsi durante l’ispirazione, costringendo a sforzare i muscoli per la fonazione che risulterà “strozzata“.

Gonfiando la pancia, invece, state attuando una respirazione bassa, addominale. Anch’essa scorretta e, pur permettendo una migliore performance rispetto quella alta, andrebbe a compromettere il controllo vocale durante gli acuti e il vibrato.

Mentre la respirazione centrale è quella ideale da attuare, ci consentirà di immagazzinare il 100% dell’ossigeno facendo lavorare il diaframma in modo ottimale: i polmoni otterranno la massima espansione – come le costole (vedi immagine) -agevolando un pieno controllo del fiato.

Esercizi per la respirazione diframmatica

Di seguito vedremo alcuni esercizi per imparare a respirare con il diaframma mentre cantiamo. Ma prima bisogna tornare alle origini di una regolare respirazione, che potrebbe aver subito mutazioni nel corso degli anni.

Infatti, sin da bambini la respirazione diaframmatica è qualcosa di naturale. Pensate al pianto di un neonato e quanto possa essere “potente” per una creatura così piccola: può piangere e gridare per diversi minuti senza che la voce ne risenta proprio grazie ad una spontanea e nativa respirazione.

Ora, andiamo a ricordare al tuo corpo come fare la respirazione diaframmatica eseguendo questo primo esercizio!

Premessa: quando parliamo di respirazione nel canto, essa dovrà esser effettuata con la bocca, in quanto abbiamo bisogno di accumulare aria il più velocemente possibile rispetto alla quantità che fornirebbe la respirazione nasale.
Facendo pratica con gli esercizi di respirazione, potrebbe capitare di andare in iperventilazione, sentire la testa girare e la vista offuscarsi leggermente. Non preoccuparti, rilassati e riprendi una regolare respirazione.

Esercizio N°1 – Torniamo alle origini

  • Sdraiati in Posizione Supina, appoggiando la schiena a terra e con la pancia in su.
  • Metti una mano subito sotto lo sterno, esattamente all’altezza del diaframma.
  • Ispira. Fai salire la mano e senti tutta la fascia delle costole più basse in espansione lateralmente.
  • Trattieni il respiro per 5 secondi
  • Espira. lascia uscire l’aria lentamente (come quando soffi per raffreddare la minestra nel cucchiaio) e senti la mano tornare verso il basso.
  • Ripeti quest’azione 4-5 volte

Se hai fatto tutto correttamente allora stai capendo come fare la respirazione diaframmatica!

Esercizio N°2 – il palloncino bucato

Questa volta eseguiremo l’esercizio in piedi, seguendo attentamente i consigli che abbiamo visto nell’articolo di una corretta postura. Quindi:

  • Assumiamo un postura eretta, “fiera e nobile”, ma allo stesso tempo rilassata.
  • Come nel primo esercizio posiziona una mano sotto lo sterno.
  • Ispira conducendo la mano e le costole in espansione esterna e…
  • espira con la bocca leggermente aperta pronunciando una “SSSSS”, come se un palloncino bucato perdesse aria lentamente.
  • Cerca di prolungare per più secondi l’uscita dell’aria, gestendola attraverso l’addome che tratterrà la risalita del diaframma (tirando un po’ in su la pancia, come al mare ?).
  • Finita l’aria (non arrivare a svuotarla completamente) fermati e respira regolarmente per 1 minuto, prosegui poi per altri 3 cicli.

Ripeti questo esercizio finché non avrai appreso una corretta respirazione diaframmatica e ottenuto il controllo dell’aria!

Esercizio N° 3 – Vocalizzi

È ora di fare sul serio! Ora ci concentreremo nel sostituire la “SSSSS” con delle vocali.

Quindi, prendendo ad esempio il precedente esercizio, intona la lettera “AAAAA” (leggermente nasale) e, facendo sempre attenzione a dosare il fiato, cerca di prolungare la nota quanto più possibile. Ripeti poi con tutte le altre vocali cercando di mandare sempre il suono in avanti, sul muso.

Mi raccomando! Ricorda di rimanere rilassato e se avverti tensione o la voce comincia a strozzarsi, fermati!

Arrivati a questo punto forse qualcosa sta cominciando a sbloccarsi in te, assaporando qualcosa di nuovo, l’inizio di un percorso che ti porterà a cantare bene e senza sforzi. Tuttavia, nulla si ottiene in poco tempo, servirà molta pratica ed esercizio!

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto le linee generali della respirazione diaframmatica per cantare bene e base di una buona riuscita vocale, in quanto, tutto parte da essa. Ecco perché, soprattutto in questa occasione, voglio ricordare quanto sia importante farsi seguire da un vocal coach nel processo di apprendimento ad una corretta respirazione che potrebbe portare grandi miglioramenti, sia alla voce che alla tecnica.

👁️30 views/letture

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 5 / 5. Voti: 1

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Condividi l'articolo:
Andrea
Andrea

Ciao, sono Andrea di Roma, realizzo siti web (blog e community) con wordpress da oltre 15 anni. Inoltre, sono Product Expert di Google Italia e ho fondato diversi siti tra cui il social network di YouFriend, curandone ogni aspetto. Altri miei interessi: musica, cinema e serie tv, photoshop, calcio, videogames, sushi, anime, cantare, suonare il piano e... tutto ciò che è arte.

- La condivisione è il senso della vita -

Articoli: 675

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *