Tartarughe di terra – razze, alimentazione e caratteristiche

0

Sempre più frequentemente in quasi ogni casa si trovano animali domestici e uno di essi potrebbe anche essere una tartaruga. Siccome questa specie di animali piace anche a me, oggi vorrei descrivere qualcosa sulle tartarughe di terra, sulle razze, alimentazione e caratteristiche.

Io ho avuto l’occasione di ospitare nel mio piccolo giardino una bellissima testuggine terrestre e posso dire che sono davvero animaletti tranquilli e piacevoli; si muovono pacificamente nel loro habitat, come poi vedremo più avanti, e sono abbastanza facili da accudire.

Anche se sembrano stare un po’ in disparte sono animali molto intelligenti e si affezionano a chi ne ha cura; inoltre è bello avere cura di una testuggine da giardino. Quindi ora andiamo a conoscere le tartarughe di terra e come allevarle.

Una cosa importante da tener presente prima di tutto è che, essendo le tartarughe una specie protetta, al momento dell’acquisto devono essere denunciate al Corpo Forestale come richiesto dalla legge.

Cosa sono le tartarughe di terra

La tartaruga di terra, chiamata anche testuggine di Hermann (Testudo “Hermanni” – in onore del medico e naturalista) fa parte della categoria dei rettili ovipari, in quanto depongono le uova, e appartiene all’ordine delle testuggini.

I colori, pesi e dimensioni delle tartarughe possono dipendere da diversi fattori morfologici; possono, inoltre, variare anche in base alla zona dove vivono, al tipo di alimentazione, alle temperature ambientali, all’habitat, ecc.

Nel nord Italia ci sono più piccole, nel centro Italia si sviluppano in forma media e nel sud Italia si trovano quelle più grandicelle.

Cosa mangiano le tartarughe di terra

L’alimentazione delle tartarughe è quasi completamente a base di varie tipologie di erba di campo o di orto (anche se non tutti i generi), si può aggiungere qualche tipo di frutto, essendo un animale erbivoro-vegetariano.

Quale cibo mangiano le tartarughe di terra:

  • Tarassaco
  • Ortica
  • Malva
  • Ibisco
  • Foglie di vite
  • Foglie di barbabietola
  • Insalata riccia – Lattuga
  • Radicchio verde
  • Cocomero
  • Uva
  • Altri tipi di frutta ed erbe in quantità contenuta

Grandezza e peso delle tartarughe

Solitamente in Italia, quindi, vengono allevate tartarughe non molti grandi, tenendo presente che le femmine sono quasi sempre più grandi e pesanti del maschio.

Ora vediamo quelle con le dimensioni più comuni, ma esistono davvero dei rari esemplari di testuggini molto più grandi e pesanti, che saranno descritti più avanti nell’articolo.

Il peso e la grandezza media delle tartarughe italiane varia anche in base al loro sesso:

  • il peso di una tartaruga maschio varia da 400 gr. a 1.200 gr. circa
  • il peso di una tartaruga femmina varia da 500 gr. oltre 2/3.000 gr.
  • la grandezza di una tartaruga maschio va dai 13 cm ai 18 cm.
  • la grandezza di una tartaruga femmina va dai 20 cm ai 24 cm.

Caratteristiche delle tartarughe di terra

Ora vediamo alcune delle caratteristiche delle tartarughe in modo generico, poi in base alla tipologia e alla razza le peculiarità possono cambiare:

  • riconoscono i colori e le forme
  • riconoscono le persone, sopratutto quelle che le accudiscono
  • riconoscono bene gli odori in genere, utili per il cibo e per funzioni sessuali
  • l’udito non è molto sviluppato, ma hanno una buona vista
  • hanno un buon senso dellorientamento
  • amano il primo sole del mattino per alzare la temperatura corporea
  • quando, riscaldandosi, hanno raggiunto la temperatura corporale per loro ideale, pensano al cibo
  • oltre i 27°C cercano ristoro scavando delle buche per ripararsi dal calore
  • le tartarughe vanno in letargo nei mesi di novembre e dicembre
  • temperature molto basse possono provocare la morte

Quali sono le razze di tartarughe di terra

Sembra che nel mondo siano state riconosciute oltre 60 razze di tartarughe di terra, ma ora vediamo quali sono le razze più comuni:

Testudo Hermanni

Testudo Hermanni è la razza più nota delle tartarughe, si può trovare nei paesi europei in genere e nei paesi italiani con molta vegetazione. È una specie che vive a lungo, infatti può raggiungere i 110 anni di età.

La sua lunghezza si aggira intorno ai 20 cm. ed il suo colore è giallognolo con disegni neri. Principalmente si nutre di erba ma mangia anche invertebrati.

Di questa razza esistono due sottospecie: Testudo hermanni hermanni (occidentale) e Testudo hermanni boettgeri (orientale) che si differenziano leggermente per la tonalità del colore giallo e per essere un po’ più grandine.

Testudo Graeca

La Testudo Graeca, conosciuta anche come Testudo Moresca è simile alla “Testudo Hermanni” ma un po’ più grande; inoltre in più ha i tubercoli cornei sulle cosce, ma non ha il rivestimento corneo alla fine della coda.

Si può trovare in Italia, in Spagna, in Grecia ed in Turchia. Ci sono molte sottospecie della Testudo Graeca, anche se le più affermate sono 4, ma è ancora oggi studiata da esperti del settore.

Può arrivare ad una lunghezza di 16-25 cm. ed il carapace è di un giallo/beige con disegni neri che a volte sono molto fitti da far apparire la corazza di colore scuro. È una specie prettamente erbivora e la sua vita media è di 30-40 anni.

Testudo Marginata

Testudo Marginata, nota anche come Tartaruga Sarda, si trova in Sardegna e in Grecia ed è di colorazione verde scuro con delle chiazze giallo chiaro.

La Testudo Marginata è la tartaruga più grande e pesante tra le testuggini mediterranee, infatti può raggiungere 45 cm. di lunghezza e pesare intorno ai 13 kg.

La sua alimentazione è solo cibo vegetariano, soprattutto la cicoria, il radicchio ed il tarassaco e se curate bene possono vivere anche 100 anni.

Testudo horsfieldii

La tartaruga di Horsfield è chiamata comunemente tartaruga russa e tartaruga delle steppe. Il suo carapace è un arrotondato ed il colore varia dal giallo chiaro, al giallo scuro, verde oliva e marrone (a seconda della sottospecie) con evidenti macchie nere.

La lunghezza varia dai 15 ai 21 cm. ed il peso varia da 400 a 900 gr. Sono visibili in Armenia, in Cina, in Asia e nel Medio Oriente e hanno una durata di vita di circa 30-35 anni.

Testudo horsfieldii è una razza solamente erbivora, meglio se cibata con verdure di campo.

Centrochelys sulcata

La Centrochelys sulcata, definita testuggine africana, è la tartaruga più grande dell’Africa in quanto può arrivare ad un peso di 100 kg. con una lunghezza di 85 cm. circa.

Vive nel Sudan, in Etiopia e in vari paesi dell’Africa occidentale ed è un animale esclusivamente erbivoro, il suo cibo preferito è il fieno e la verdura fresca, ed è circondata da un habitat molto arido.

In questa tipologia di tartarughe i maschi sono più grandi delle femmine. Il loro colore è un giallo/marrone chiaro con dei disegni marroni possono arrivare anche intorno ai 100 anni di vita.

Come si accoppiano le tartarughe di terra

Le tartarughe terrestri sono un po’ lente anche nel maturare sessualmente, infatti raggiungono questo traguardo intorno al quarto anno di vita. Dopo questa età possono generale le uova, ma come fanno ad accoppiarsi le tartarughe di terra?

Si possono unire nell’accoppiamento più di una volta all’anno, in cui il maschio sale sopra la femmina. Quando la femmina è feconda, scava una buca nel terreno dove nasconde le uova ricoperte dalla terra.

Il periodo di incubazione delle uova di tartaruga varia da 60 giorni a 8 mesi circa, sia in base alla specie della testuggine che al clima presente al momento ; dopo di che possono uscire le piccole tartarughe capaci di essere già auto sufficienti.

Come capire se la tartaruga è maschio o femmina

La testuggine non possiede genitali esterni come altri mammiferi quindi come si fa a riconoscere se la tartaruga è maschio o femmina?

Di base non sono moltissime le differenze su come distinguere le tartarughe tra maschio e femmina:

  1. bisogna capovolgerla delicatamente ed osservare il piastrone: se è concavo è maschio, se è piatto è femmina. (il piastrone concavo del maschio permette di non scivolare nel momento di accoppiamento)
  2. I maschi hanno una specie di piccola incisione a forma di V sotto al carapace, che permette di uscire la coda quando deve accoppiarsi; la femmina non ce l’ha.
  3. Osservare gli occhi: se hanno l’iride di una tonalità di colore rosso/arancione è maschio, se il colore è giallo/marrone è femmina
  4. I maschi hanno gli artigli più lunghi delle femmine
  5. Non sempre, ma capita spesso che nelle femmine la coda è più corta e sottile rispetto a quella dei maschi

Habitat per le tartarughe di terra

Non tutti i posti sono adatti per tenere le testuggini in quanto esse hanno bisogno di un loro specifico habitat, che non può essere né il terrazzo né la casa dove si vive.

L’habitat ideale per le tartarughe di terra è il giardino che abbia terra ed erba, oppure un pezzetto di campo di almeno 2 mq se si tratta di una bestiola, o più grande se si tengono più esemplari.

In entrambi in casi lo spazio deve essere attrezzato con possibilità di stare sia al sole che all’ombra per dar modo alla tartaruga di scaldarsi quando serve e di ripararsi quando ne sente il bisogno.

Curiosità sulle tartarughe

  • La tartaruga più vecchia del mondo ha 187 anni e si chiama Jonathan e vive nell’Isola di Sant’Elena, nelle Seychelles
  • L’Homopus signatus è la tartaruga più piccola del mondo, pesa 150 grammi
  • La tartaruga liuto (Dermochelys coriacea) è la tartaruga più grande del mondo, pesa 900 kg. è lunga più di 3 mt.
  • Le tartarughe sono prive di corde vocali, anche se emettono dei suoni.
  • Sognarsi di tartarughe significa un invito di raggiungere i tuoi obiettivi con calma e saggezza

Concludo dicendo che è bello conoscere quali sono le razze delle tartarughe e capire come allevarle ed alimentarle; inoltre possedere una testuggine di terra è una piacevole compagnia.

Voi avete mai avuto delle tartarughe di terra? Se conoscete altre razze di tartarughe o avete consigli a riguardo, potete lasciarli nei commenti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 4.8 / 5. Voti: 17

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica.

Questo sito Web utilizza strumenti proprietari di terze parti che memorizzano file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono usati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno gli altri. Accettando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore e contribuisci alla sopravvivenza del sito! Cookie policy

TI STAI PERDENDO CONTENUTI DA TERZE PARTI COME GOOGLE E YOUTUBE A CAUSA DELLE TUE PREFERENZE SUI COOKIE!
Aiutaci a far sopravvivere il sito e mantenerlo gratuito per sempre! Clicca il seguente link per modificare le tue:
>>PREFERENZE COOKIE<<