Perché si dice “bubu settete” origine e significato

2

Vedendo un mio parente giocarci con il proprio figlio, mi son posto questa domanda: “cosa significa bubù settete e qual è il suo significato?”. Quando vogliamo far divertire i nostri figli o qualsiasi altro bambino, è usanza mettere le mani davanti il viso e, comprendo bene gli occhi, pronunciare queste parole: “BuBu Settete”.

Mi son documentato come meglio potevo su internet, riscontrando varie teorie e ipotesi, purtroppo, discostanti tra loro. Nessuna mi han condotto ad una vera e concreta risposta alla domanda, ma comunque mi han reso le idee più chiare in merito la tradizione legata al bubusettete.

Origini: Perché diciamo Bu-Bu settete?

Si presume sia legato alla parola tramandata dagli antichi Etruschi, “BU“. Essa, era utilizzata per intimorire l’infante data la sua pronuncia: ricorda in effetti il frastuono di un tuono, vento o esplosione. Ecco forse, perché ricorrono diverse assonanze con alcune onomatopee, come “boom” o “buu” (voce di un fantasma intento a spaventare). Guarda la lista di tutte le onomatopee!

Mentre la parola “Settete”, si effettua successivamente discostando le mani dal viso e sorridendo. È composta dalla vocale “E” ripetuta 3 volte, con l’ultima che si protrae per qualche secondo in più. Questo perché, risultano più semplici ai bambini neonati, sembrerebbe rassicurarli e divertirli.

Gioco del Cucù

Altri, invece, definiscono il Bubù settete come il Gioco del cucù: legato al fatto che il movimento dell’uccellino, che fuoriesce dalla cassa dell’orologio a pendolo, rassomiglierebbe allo stesso riproposto con le mani e, quindi, vi si può ipotizzare il collegamento alla vera origine di questa usanza.

Quale sia però, tra le due ipotesi sopra citate, quella corretta circa le origini del bubù settete, non vi son certezze.

Bubu settete Studiato dagli psicologi

Su tale gioco, vi sono stati fatti anche degli studi psicologici, i quali volevano dimostrare l’incapacità di un bambino di capire la permanenza dell’oggetto, che costituisce un aspetto importante dello sviluppo cognitivo del neonato.

I test riguardavano l’utilizzo di un giocattolo, che veniva nascosto ripetutamente da una barriera davanti il bimbo. I risultati, hanno in fine dimostrato che i bambini inferiori ai 9 mesi di età, non avevano consapevolezza di ciò che stava accadendo e, quindi, di comprendere la permanenza dell’oggetto.

Conclusione

Con questo articolo, spero di aver reso le idee un pochino più chiare a tutti, anche se non vi è chiarezza, tra le ipotesi che abbiamo visto oggi, di quale sia la vera origine del bu-bù settete.

Se vuoi scoprire il perché di altri modi di dire più comuni, potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Secondo te da dove deriva questo gioco infantile? Hai informazioni in merito? Lasciate pure un commento qui di seguito.

Scrivi anche tu articoli su YouFriend. Scopri come!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 3.6 / 5. Voti: 15

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

  • Da noi (Bologna) si usava un’altra espressione, che spero di scrivere bene nel dialetto.
    Si dice Cu-Cù, coprendosi il volto con le mani per nascondersi.
    Si continua con A-tti-lè, che in dialetto significa “Eccoti”, oppure “ah sei lì”. Lo si pronuncia scoprendo il volto dalle mani velocemente.
    Si ripete più volte in modo veloce. Di solito il bimbo molto piccolo ride di gusto.

    Rispondi
Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Annina
Foto del profilo di Alessandra
Foto del profilo di Andrea
Foto del profilo di Mara
Foto del profilo di Write for Money
Foto del profilo di Friendbot
Foto del profilo di Jole Figliomeni
Foto del profilo di Jennifer79
Foto del profilo di Eisenheim
Foto del profilo di Carotina Editor
Foto del profilo di Gianky63
Foto del profilo di favola
Foto del profilo di Maurizio
Foto del profilo di youfriend.it
Foto del profilo di salvatore maltese
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Sembra che tu stia utilizzando un ad blocker. Va bene. Chi non lo fa?

Ma senza entrate pubblicitarie, non possiamo continuare a rendere fantastico questo sito. Sul nostro network non ci sono banner invasivi o fastidiosi da compromettere la navigazione.

Disabilita Adblock su youfriend.it e supporta una navigazione internet per sempre gratuita.