La voce di Azzurrina, il fantasma del castello di Montebello

0

Oggi ho deciso di condividere quel che sembra essere una storia di fantasmi tipica delle leggende medievali italiane.

Il mistero della voce di Azzurrina, una bambina albina scomparsa misteriosamente il 21 giugno 1375 all’interno del suo castello e da allora, ogni volta che l’anno finisce con lo zero o con il cinque, tra le mura del castello è possibile sentir l’eco della sua voce e il suo pianto.

La leggenda di Azzurrina

Azzurrina sarebbe stata figlia di Ugolinuccio o Uguccione di Montebello, feudatario di Montebello di Torriana (RN), e sarebbe prematuramente scomparsa il 21 giugno del 1375, il giorno del solstizio d’estate.

Si dice fosse una bambina affetta da albinismo che all’epoca era collegato ad eventi di natura maligna, quindi la madre decise di tingerle i capelli di nero con elementi trovati in natura. Tuttavia, quest’ultimi sembrano aver dato alla bimba dei riflessi azzurri; lo stesso colore dei suoi occhi: così avrebbe avuto origine il suo soprannome di “Azzurrina“.

A causa di questo fatto il padre decise di farla sorvegliare per proteggerla dalle dicerie che crescevano intorno la ragazzina. Intorno il 1375, mentre il padre era lontano dal castello di Montebello di Torriana, Azzurrina, giocando con una palla mentre fuori infuriava un temporale., cadde sfortunatamente nella ghiacciaia sotterranea.

Avendo sentito un urlo, le guardie che la sorvegliavano sarebbero accorse nel locale, ma non trovarono traccia della bambina, e il suo corpo non sarebbe stato mai più ritrovato.

il quadro di Azzurina nel castello

La leggenda vuole che il fantasma della bambina sia ancora presente nel castello e che torni a far sentire la sua voce ogni cinque anni, in concomitanza con il cadere del solstizio d’estate.

Video La leggenda del fantasma di Azzurrina

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 3.6 / 5. Voti: 5

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica.