Incubi: cosa sono, perché si fanno, significato

Sono due argomenti collegati, ma allo stesso tempo diversi. In un precedente articolo abbiamo descritto i sogni, in questo descriveremo cosa sono gli incubi, perché si fanno, il loro significato.

Vedremo anche com’è possibile gestirli quando diventano un problema, ovvero quando possono verificarsi in maniera forte e continuativa. Al contrario dei sogni, essi creano timore e stati d’animo ansiosi.

Entrambi sono fattori collegati al sonno e si verificano soprattutto durante la “fase REM“, che significa rapid eye movement ovvero movimento oculare rapido. È l’ultima delle cinque fasi di cui è composto il nostro dormire.

Cosa sono gli incubi

Gli incubi sono una sequenza di scene, immagini e suoni che sembrano reali; questo perché la scienza ha rilevato che quando si sogna c’è un’attività cerebrale che può essere paragonata ad una situazione di coscienza e vigilanza.

Studi affermano che si ricordano solo quelli fatti durante la fase REM ma se la corteccia cerebrale viene stimolata da alcune oscillazioni elettriche lente. Quelli fatti nella fare NREM (non REM) risultano essere meno complicati.

Solitamente gli incubi vengono fatti dai ragazzi di un’età compresa tra i 4 e 12 anni; poi dovrebbero diminuire crescendo. Questa però non è una regola fissa, in quanto anche da adulti si vive questo “sogno angosciante”.

Cosa capita al cervello durante un incubo?

Il cervello possiede una parte inconscia e una cosciente, e nella memoria vengono immagazzinate moltissime cose di ogni genere. Durante la fase REM la parte non cosciente rimescola questi fattori per inviarli alla parte consapevole.

Quella cosciente, però, scende di molti livelli e sembra quasi essere distaccata dal tutto il resto. Per questo motivo si intersecano pensieri che la memoria ha catturato da poco, con altri a “lungo termine” che risultano non essere ben definiti.

Perché si hanno gli incubi?

Ci sono diverse ipotesi sul perché si fanno gli incubi, vediamo alcune cosa affermano. Una di queste, suggerita da Freud, dice che gli stimoli di cui una è in possesso, vengono processati dalla mente e rielaborati nel sonno.

Le cause principali che provocano gli incubi possono essere l’insonnia, le preoccupazioni che disturbano il sonno, stress o fattori che ci infastidiscono e che la mente rimugina anche durante il sonno.

Molto spesso i bambini hanno gli incubi quando hanno la febbre alta, infatti la temperatura elevata fa diminuire il cortisolo e questo crea agitazione e angoscia dando vita a pensieri irrequieti.

Quanto può durare un incubo?

La durata di un incubo può variare da persona a persona; in media si aggira dai 4 ai 15 minuti, quindi durano molto meno dei sogni. Il risveglio però non è mai sereno in quanto ci ha creato ansia.

Capita spesso che chi si sveglia in questo stato, poi fa fatica a riprendere sonno in quanto ha timore di poter rielaborare ancora le immagini e le brutte situazioni che sembravano davvero reali.

Cosa fare per non avere incubi

Sogni ed incubi si creano nella nostra mente in modo spontaneo, ma ci sono delle cose da fare per non avere incubi, quando questi iniziano ad essere frequenti e crearci scompiglio emotivo.

  • cambiare la posizione di dormire: ovvero evitare di prendere sonno a pancia in su, meglio mettersi leggermente lato
  • muovere le gambe, allungandole, in modo che ci si possa svegliare meglio in caso di agitazione
  • alla sera, prima di coricarsi, creare un momento di rilassamento, respirando lentamente e a fondo e cercando di rilassare la mente; evitare quindi di stendersi a letto pieni di tensione
  • non mangiare troppo tardi alla sera ed evitare cibi pesanti
  • eliminare la nicotina e le bevande contenenti alcool e caffeina
  • non guardare film thriller o horror e non ascoltare musica sconvolgente
  • fare esercizio fisico, senza esagerare e adatto al nostro corpo, per scaricare la tensione quotidiana

Se gli incubi diventano una specie di ossessione esistono delle terapie tipo l’ipnosi, la terapia del sonno, il rilassamento muscolare ed altre cure; oppure con trattamenti farmacologici, ma in ognuna di queste situazioni occorre rivolgersi a medici o specialisti.

Concludo dicendo che tutti sperimentiamo sogni ed incubi, importante è cercare di continuare a sognare e allontanare il più possibile dai nostri pensieri le cose che ci creano preoccupazione e paura.

Video che spiega il significato degli incubi più comuni

Articoli correlati

Hai avuto qualche esperienza che riguarda gli incubi e che vuoi condividere? Lascia un commento.

👁️31 views/letture

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 5 / 5. Voti: 3

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Condividi l'articolo:
Annina
Annina

Ciao, sono Annina, manager della community di youfriend.it. Amo la natura, la musica, i colori, le emozioni... amo le sfumature che dipingono la vita!

Articoli: 367

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *