La vera storia del Conte Dracula e chi era veramente

0

Tra le molteplici figure leggendarie oggi andiamo a conoscere meglio la vera storia del Conte Dracula, tra storia e leggenda. Chi era veramente il vampiro più famoso del mondo, coinvolto anche nella letteratura e nella cinematografia?

Le informazioni su questa storica figura sanguinaria hanno numerose origini; una cosa certa è che il conte Dracula è diventato un mito che ha incuriosito milioni di persone sin dai tempi passati e ancor oggi presta molto successo.

Ora andiamo a scoprire chi è veramente Dracula, ovvero questo “Principe delle tenebre“, da sempre descritto come un essere malefico e cattivo, che con il suo fascino misterioso e tenebroso ha attirato l’attenzione degli amanti del mondo oscuro.

La storia vera del conte Dracula

Ci sono informazioni ancora nascoste sulla storia del conte Dracula ma iniziamo a capire qual è l’origine del vampiro più noto di sempre; conosciuto anche con il nome di Vlad Țepeș, che in rumeno significa Vlad l’Impalatore. Il termine Dracul, in lingua rumena, significa “diavolo“.

Il vero nome di Dracula è Vlad III di Valacchia, ma conosciuto come Vlad era un membro della famiglia dei Drăculeștii. Il padre, Vlad II Dracul, era principe e membro dell’Ordine del Drago il cui compito era quello di proteggere la religione cristiana nella parte orientale dell’Europa. Il simbolo di quest’ordine era un grande drago con la coda attorcigliata sul collo e sopra la schiena vi era una croce.

Presumibilmente Dracula nacque nel 1431 nella città di Sighișoara, che si trova in Transilvania, Romania. La madre non fu resa nota e sembra che Vlad avesse un fratello minore chiamato Radu III il Bello e due fratellastri.

Il vero conte Dracula

La notorietà di questo personaggio è basata soprattutto per la sua fama di super vampiro raccontata dai libri e dai film; ora però vediamo chi era il vero conte Dracula e come ha vissuto la sua vita complicata e piena di molte sfaccettature.

Dal 1436, quando il padre Vlad II salì al trono, fino al 1456, lui e i suoi due figli vissero tra combattimenti e prigionia tra popoli ottomani e turchi. Intorno al 1457 Vlad III (Dracula) fu incoronato, giurò fedeltà alla corona ungherese per cercare aiuto contro gli ottomani. La sua conquista del trono fu un continuo sali e scendi, affrontando e uccidendo i suoi nemici impalandoli. Oltre ad altre torture da lui usate come l’olio bollente, la decapitazione e lo scuoiamento.

Nel 1459 Vlad III ebbe gravi conflitti con il sultano Maometto II, in quanto si rifiutava di pagare i tributi. La situazione si aggravò sempre di più fino a che Vlad III decise di uccidere i messaggeri di Maometto II e oltrepassare il Danubio per sterminare il territorio ottomano. Nel 1462 venne celebrata in Transilvania la grande vittoria di Vlad l’impalatore.

Radu, il fratello più piccolo, voleva spodestare Vlad III e, in accordo con Maometto conquistò la fortezza di Poenari conosciuta come il castello di Dracula. Sia a causa di Radu che degli aristocratici boiardi, Vlad subì un grande sconfitta, ma nonostante questo continuò a combattere tenacemente prima di ritirarsi in Ungheria. Lì Vlad III rimase imprigionato, per circa 12 anni, prima in un villaggio della Romania poi in due diverse città dell’Ungheria.

Morte di Vlad III (Dracula)

Nel 1476 Vlad ricominciò a riconquistare il regno con l’aiuto degli ungheresi, successivamente alla morte del fratello, avvenuta un anno prima. Questo periodo di gloria però ebbe una durata di soli 2 mesi, in quanto pare che Dracula sia stato ucciso dai seguaci di Radu. La data della sua morte non è del tutto precisa, ma sembra sia avvenuta negli ultimi mesi del 1476.

Su come sia veramente avvenuta la morte di Dracula rimane un mistero; sono tre le versioni riportate. Secondo certe fonti lo scambiarono per un turco da eliminare, secondo altre gli ottomani gli tagliarono la testa e spedirono a Costantinopoli; altre ancora affermano che la causa fu il morso di un pipistrello.

Anche dove è posto il corpo di Dracula è un enigma, ma sembra che in un primo momento sia stato deposto, senza testa, in un monastero di Comana, a Giurgiu, in Romania. Dal XIX secolo, invece, si dice che sia sepolto altrove, ovvero che la tomba di Dracula si trova nel Monastero di Snagov, un’isoletta poco lontano da Bucarest.

In Romania Vlad III è considerato un grande eroe per aver lottato contro i turchi ed ungheresi e protetto il popolo rumeno dai vari attacchi provenienti dalle rive del Danubio; lo scrittore Stocker accentuò la sua fama di crudeltà e ferocia con un suo famoso libro, descrivendolo come “il vampiro Conte Dracula“.

Dove si trova il castello di Dracula?

Il vero castello di Dracula è la fortezza di Poenari, che si trova sulla riva del fiume Argeș, affluente del Danubio, della quale ormai sono rimaste solamente delle rovine. Viene, invece, fatto visitare dai turisti il Castello di Bran situato in Transilvania, innalzato dal popolo germanico dei Sassoni di Brașov, che a tutt’oggi è diffuso come il castello del conte Dracula.

La fortezza di Poenari è stata costruita nel XIII secolo ed è il castello più significativo della casa reale dei Basarabidi, ovvero la famiglia che diede origine al principato di Valacchia. Nel XV secolo la dimora andò in abbondono e rovina, finché Vlad III lo conquistò e ristrutturò facendo lavorare i prigionieri turchi per la ricostruzione.

Dopo la morte di Dracula, la fortezza rimase ancora una volta abbandonata e le rovine ancora in piedi sono visitabili dai turisti su prenotazione. Per poterla vedere è necessario percorrere una lunga scalinata di 1.480 gradini.

Il castello di Bran, invece, è circondato da un bellissimo bosco e custodisce un ricco museo dove è possibile conoscere tutta la storia della Transilvania, inoltre si possono vedere molti oggetti della famiglia reale. L’edificio risale al 1211 ed è uno dei luoghi più belli e noti della Romania.

Infatti è molto famoso in quanto il grande scrittore Bram Stoker lo inserì in un suo romanzo intitolato “Dracula“. In questo scritto Bram Stoker descrisse tutta la zona della Transilvania in modo dettagliato, pur non avendola mai visitata e Vlad III fu l’ispirazione di questo scrittore per creare il personaggio leggendario del “Conte Dracula“.

Castello di Bran

Le leggende sul conte Dracula

Le leggende su Dracula sono molteplici. Un po’ dovute al nome ereditato, un po’ a causa della sua brutalità, ma su questo “figlio del diavolo” , temuto ancora da moti, ne sono state raccontate tante; ne cito alcune:

  • Mentre Vlad pranzava con degli ospiti, uno di questi si lamentava dello sgradevole odore di cadaveri che c’era nell’aria. Dracula prese l’uomo o lo impalò più alto possibile per non sentirne la puzza.
  • Nella piazza della città di Târgoviște Vlad mise una coppa dorata, che nessuno osò rubare per il timore del feroce personaggio.
  • In base ad alcune voci sembra che i monaci del Monastero di Snagov preghino ogni giorno sulla tomba di Dracula per mantenerlo calmo.
  • Maometto II, per paura che Vlad III risuscitasse, nascose scrupolosamente la testa e la spada del brutale principe.
  • Un mercante, derubato dei suoi 160 denari d’oro, chiese aiuto a Vlad per recuperarli, il quale li recuperò e li ritornò tutti al mercante, aggiungendone uno. Lo straniero, il giorno successivo, dopo averli contati, gli rese quel denaro aggiuntivo e questo gesto gli risparmiò l’impalamento da parte di Dracula.

Dracula nella letteratura

Sono disponibili parecchi libri che raccontano la storia di Dracula e le sue avventure; ne vediamo alcuni:

  • Dracula. Storia e leggenda di un incubo. Pubblicazione 2016. Autore Lantos Giuseppe I.
  • Vlad Dracula Tepes. Dalla Transilvania fino a Bram Stoker. Edizione 2014. Autore Carlo D’Urso.
  • Dracula l’impalatore. La biografia di Vlad Tepes principe della Valacchia. Pubblicazione 2013. Autore Roberto Gargiulo.
  • Dracula e il mito dei vampiri. Ediz. illustrata del 2012. Autori Rauch M., Canova G., Mafai G.
  • Dracula: una storia vera. Edizione del 2011 – Autore Vito Bianchi
  • La Storia segreta di Dracula. I misteri di Vlad l’impalatore. Pubblicazione 2009. Autore Trow M. J.
  • Dracula. La vera storia di Vlad III l’Impalatore. Pubblicato nel 2006. Autore Matei Cazacu.
  • Dai vampiri al conte Dracula. Un viaggio nell’immaginario occidentale. Pubblicazione del 1999. Autore Monica Petronio
  • Dracula, un mito immortale. Edizione del 1997. Autore Centini M.
  • Dracula. Autore Bram Stoker. Prima edizione 1897 e Seconda Edizione 2015.

Dracula nella cinematografia

Questo personaggio tenebroso è stato rappresentato anche in numerose scene del cinema che potete consultare su cliccando sui seguenti link:

Lista dei film con vampiri e Dracula
Tutte le migliori serie tv con vampiri e Dracula

Se vi interessa anche conoscere particolarità e dettagli sui vampiri potete leggere il seguente articolo: I vampiri esistono veramente? Tra mito e realtà.

Concludo dicendo che la vera storia e le leggende del Conte Dracula mi hanno molto stuzzicato ed incuriosito che spero un giorno di vedere il castello di Dracula e tutta la zona della Transilvania.

Voi conoscete altre informazioni sulla vita del Conte Dracula? Lasciate un commento.

Scrivi anche tu articoli su YouFriend. Scopri come!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 4.7 / 5. Voti: 19

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Lascia un commento

La tua email non verrà resa pubblica.

Membri attivi di recente
Foto del profilo di Annina
Foto del profilo di Andrea
Foto del profilo di Eisenheim
Foto del profilo di Maurizio
Foto del profilo di Alessandra
Foto del profilo di Mara
Foto del profilo di Write for Money
Foto del profilo di Friendbot
Foto del profilo di Jole Figliomeni
Foto del profilo di Jennifer79
Foto del profilo di Carotina Editor
Foto del profilo di Gianky63
Foto del profilo di favola
Foto del profilo di youfriend.it
Foto del profilo di salvatore maltese
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Sembra che tu stia utilizzando un ad blocker. Va bene. Chi non lo fa?

Ma senza entrate pubblicitarie, non possiamo continuare a rendere fantastico questo sito. Sul nostro network non ci sono banner invasivi o fastidiosi da compromettere la navigazione.

Disabilita Adblock su youfriend.it e supporta una navigazione internet per sempre gratuita.