Esopianeti: cosa sono e le nuove scoperte

1

Gli esopianeti sono pianeti che orbitano intorno a stelle diverse dal nostro Sole. Negli ultimi anni, ci sono stati numerosi progressi nella scoperta di esopianeti, sia attraverso l’osservazione diretta che attraverso tecniche indirette.

Uno dei modi più efficaci per individuare gli esopianeti è attraverso il transito, ovvero il passaggio di un pianeta davanti alla sua stella madre, che causa una diminuzione della luminosità della stella.

Alla scoperta degli esopianeti

Una sonda spaziale che ha contribuito in modo significativo alla scoperta di esopianeti è la sonda spaziale Juno, lanciata dalla NASA nel 2011. Juno è una sonda che orbita intorno a Giove e ha fornito importanti informazioni sulla composizione e la struttura del pianeta gigante. Tuttavia, Juno è stata anche utilizzata per individuare esopianeti in altri sistemi stellari.

Ad esempio, nel 2017, Juno ha individuato un esopianeta chiamato Pi Mensae c, che orbita intorno alla stella Pi Mensae, a circa 60 anni luce dalla Terra. Pi Mensae c è un pianeta di tipo superterra, ovvero ha una massa compresa tra quella della Terra e quella di pianeti come Nettuno. La scoperta di Pi Mensae c è stata possibile grazie alla sensibilità straordinaria delle strumentazioni di Juno, che ha permesso di individuare anche piccole variazioni nella luminosità della stella causate dal trasito del pianeta.

Grazie alla sonda spaziale Juno e ad altri strumenti, gli scienziati sono in grado di scoprire sempre più esopianeti e di comprendere meglio la varietà di pianeti che esistono al di fuori del nostro sistema solare. Continuando a esplorare lo spazio, potremo scoprire nuovi mondi sorprendenti e forse anche pianeti abitabili simili alla Terra.

Ultime scoperte di esopianeti

Gli ultimi anni hanno visto una vera e propria corsa alla scoperta di esopianeti, ovvero pianeti che orbitano intorno a stelle diverse dal nostro Sole. Le tecniche di rilevamento degli esopianeti sono diventate sempre più sofisticate e accurate, permettendo agli scienziati di individuare sempre più pianeti anche di dimensioni ridotte. Ecco alcuni degli ultimi esopianeti scoperti:

  1. TOI-1231 b: questo pianeta è stato scoperto nel 2021 utilizzando il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. TOI-1231 b è un pianeta di tipo superterra, ovvero ha una massa compresa tra quella della Terra e quella di pianeti come Nettuno. Si trova a circa 300 anni luce dalla Terra e orbita intorno alla stella TOI-1231.
  2. Kepler-1649 c: questo pianeta è stato scoperto nel 2020 utilizzando i dati raccolti dalla sonda Kepler della NASA. Kepler-1649 c è un pianeta di tipo terra che si trova a circa 300 anni luce dalla Terra e orbita intorno alla stella Kepler-1649. La scoperta di Kepler-1649 c ha suscitato particolare interesse perché il pianeta ha una temperatura superficiale simile a quella della Terra e potrebbe quindi essere abitabile.
  3. LHS 3844 b: questo pianeta è stato scoperto nel 2019 utilizzando il TESS. LHS 3844 b è un pianeta di tipo terra che si trova a circa 49 anni luce dalla Terra e orbita intorno alla stella LHS 3844. Il pianeta ha una temperatura superficiale estremamente alta, superiore ai 1.500 gradi Celsius, a causa della sua vicinanza alla stella madre. Tuttavia, gli scienziati ritengono che potrebbero esistere zone del pianeta in ombra dove la temperatura potrebbe essere più bassa e quindi potrebbero esserci condizioni adatte alla vita.

Gli ultimi esopianeti scoperti sono solo alcuni esempi della varietà di pianeti che esistono al di fuori del nostro sistema solare. Continuando a esplorare lo spazio, gli scienziati potranno scoprire nuovi mondi sorprendenti e forse anche pianeti abitabili simili alla Terra.

Le future ricerche di nuovi esopianeti

Le future scoperte di esopianeti dipenderanno dallo sviluppo di tecnologie sempre più sofisticate per individuare questi pianeti. Uno dei modi più efficaci per individuare gli esopianeti è attraverso il trasito, ovvero il passaggio di un pianeta davanti alla sua stella madre, che causa una diminuzione della luminosità della stella. Le sonde spaziali come il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA e la missione PLATO dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) utilizzano questa tecnica per individuare gli esopianeti.

Altre tecniche per individuare gli esopianeti includono l‘osservazione diretta del pianeta utilizzando telescopi a terra o in orbita, e l’individuazione di perturbazioni gravitazionali causate dalla presenza di un pianeta. Ad esempio, la missione Gaia dell’ESA utilizza questa tecnica per individuare gli esopianeti.

Gli scienziati ritengono che ci siano molti esopianeti ancora da scoprire, in particolare pianeti di tipo terra o superterra che orbitano intorno a stelle simili al Sole. Le future scoperte di esopianeti potrebbero quindi includere pianeti di questo tipo, che potrebbero essere simili alla Terra e quindi potenzialmente abitabili.

Inoltre, gli scienziati ritengono che ci siano molti altri sistemi stellari oltre a quelli che abbiamo già scoperto, e che potrebbero quindi esserci molti altri esopianeti ancora da scoprire. Continuando a esplorare lo spazio e a sviluppare tecnologie sempre più sofisticate, potremo scoprire nuovi mondi sorprendenti e forse anche pianeti abitabili simili alla Terra.

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 4.8 / 5. Voti: 5

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Media voto 4.8 / 5. Voti: 5

Grazie per aver votato...

Seguici sui social!

  • Questi sono gli articoli che mi piacciono 🚀 Grazie della condivisione!

    Rispondi
Lascia un Commento o Recensione

La tua email non verrà resa pubblica.